Se state programmando un viaggio in Toscana sotto Natale e non sapete cosa vedere a Firenze in un giorno o in poche ore, ecco la guida che fa per voi. Preparatevi a buttarvi in un mondo rinascimentale, a tuffarvi tra vie, scorci e palazzi che vi faranno letteralmente viaggiare nel tempo.

Ecco una breve lista di cinque cose da vedere a Firenze. A tutti i costi.

 

1 Duomo, Battistero e Cupola del Brunelleschi

Non si può non partire tra le cose da vedere a Firenze se non il Duomo Santa Maria del Fiore.. 153 metri di lunghezza, costruito in quasi 170 anni per fare invidia alle chiese delle rivali Pisa e Siena, al suo interno e sulla sua facciata ci sono le firme di tantissimi artisti fiorentini: da Giotto a Brunelleschi, da Vasari a Talenti, da Arnolfo di Cambio a Lorenzo Ghiberti.

Il Campanile fu progettato da Giotto anche se non lo vide finito, mentre il Battistero antistanti è uno degli edifici più antichi di Firenze e sta lì dal IV secolo.

 

2 Ponte Vecchio

Il ponte più bello di Firenze ma anche uno dei più fotografati al mondo. Oggi è abitato da botteghe di orafi, tra gioielli e orologi di lusso, ma fino al 1565 era tutta un’altra cosa. Ci potevamo trovare botteghe dei verdurai e dei macellai, con la gente del popolo ad affollare la strada. Quando venne costruito il Corridoio Vasariano degli Uffizi che sovrasta Ponte Vecchio, i beccai e i verdurai furono cacciati: quel posto, adesso, era destinato a negozi più rinomati.

La stirpe degli orafi fiorentini parte da Benvenuto Cellini, il più grande di tutti in città, come ci ricorda la statua. Nel 1565 Giorgio Vasari costruì per Cosimo I Dè Medici il Corridoio Vasariano per unire Palazzo Vecchio, con Palazzo Pitti: circa un chilometro, parte da Palazzo Vecchio, passando dalla Galleria degli Uffizi, quindi sopra le botteghe di Ponte Vecchio per poi proseguire fino a Palazzo Pitti.

LEGGI ANGHE  Ibiza, cinque luoghi sconosciuti da visitare assolutamente

 

3 Palazzo Vecchio

Se siete a Firenze e provate a fotografarlo, mettetevi l’anima in pace: è impossibile. Stiamo parlando dell’architettura civile trecentesca più bella del mondo. Domina la sua “Torre di Arnolfo”, alta 94 metri e costruita verso il 1310, che porta sulla vetta la grande bandiera con il giglio fiorentino. All’ingresso di Palazzo Vecchio c’è invece una copia David di Michelangelo. Siete in Piazza della Signoria, un luogo per molti “maledetto”, perché terreno di scontro tra Guelfi e Ghibellini.

 

4 Museo degli Uffizi

Caravaggio, Raffaello, Tiziano, ma anche Cimabue, Duccio di Buoninsegna e Giotto, poi Botticelli, Leonardo, Signorelli, Perugino, Durer, Caravaggio. A lista sarebbe veramente infinita. Il consiglio allora è semplice: a Firenze non potete mancare la tappa agli Uffizi. Anche se c’è fila!

 

5 Cappella Brancacci

Nella Chiesa di Santa Maria del Carmine ecco la cappella che ospita i dipinti di Masolino e Masaccio, vecchio e giovane, maestro ed allievo. Lasciatevi trasportare dai loro colori, dalle loro forme, dalle loro magiche figure. La magia di Firenze è anche questo.