Nel mondo esistono milioni di luoghi poco conosciuti, ma che conservano un fascino particolare. Chi volesse fare un viaggio, evitando le solite mete turistiche inflazionate, potrebbe trovare interessante questo articolo. Abbiamo selezionato quattro posti che non tutti conoscono, ma ricchi di bellezza e storia. Andiamo a scoprirli insieme.

Iasi

La sua pronuncia è “Jash” ed è la seconda città della Romania per grandezza dopo Bucarest. Sorge sulle sponde del fiume Bahlui ed è anche conosciuta come la città delle sette colline.

Tra i luoghi da visitare merita una menzione particolare il Golia Monastery. Situato nel centro della città, spicca per il suo stile a metà tra il bizantino e il barocco. La sua costruzione risale al Medioevo. Salendo sulla Torre Golia, inoltre, si può ammirare un panorama mozzafiato di tutta la città.

Chi ama, invece, la natura, non può lasciarsi scappare una visita al Giardino Botanico Anastasie Fatu. Quest’ultimo fu un importante naturalista, nato a Iasi. Nel 1856 decise di fondare il giardino che tutt’ora è possibile ammirare. Va detto che la posizione attuale, fu decisa solo nel 1964.  Si estende su circa 100 ettari tra i laghi e sorgenti di acque minerali.  Esistono 12 serre che illustrano gli aspetti della flora e della vegetazione del mondo. La caratteristica che rende speciale questo giardino è, però, il reparto per gli ipovedenti. Fondata nel 1991, questa sezione comprende oltre 30 specie le cui caratteristiche principali sono il forte profumo e alcune caratteristiche delle foglie, che, al solo tatto, sono in grado di fornire dettagli sulle piante. L’area è dotata di etichette in Braille, che danno le informazioni essenziali su ogni specie esposta.

LEGGI ANGHE  Le cinque città al mondo più cercate su Google

Eguisheim (Francia)

Qual’è la meta nazionale preferita dai francesi? Ebbene sì, è proprio Eguisheim. Si tratta di un paesino situato nell’Alsazia, lungo la cosiddetta “strada dei vini”. Questo villaggio ha una forma circolare, dovuta alle fortificazioni che, a partire dal XII secolo, circondavano il paese, La grande particolarità di questo luogo sono le case tutte colorate e ornate da fiori, in particolare gerani rossi. Le facciate delle abitazioni, inoltre, hanno tutte travi di legno con delle iscrizioni sul frontone all’ingresso che testimoniano la loro età secolare nonché le iniziali del proprietario e di un simbolo che rappresentava la professione.

Eguisheim è nota per aver dato i natali a Brunone di Egisheim-Dagsburg, , centocinquattaduesimo Papa della Chiesa Cattolica con il nome di Leone IX. Fu lui a decretare il celibato per i prelati. A lui, la sua città, ha dedicato una Cappella in stile neo-romanico dove sono conservate due sue reliquie.

Dinant (Belgio)

Dinant è un paese situato in Belgio, che gli appassionati di sax conosceranno senz’altro. Fu qui, infatti, che nacque Antoine-Joseph Sax, l’inventore del sassofono. Non è solo per i nobili natali che questo villaggio è conosciuto. La bellezza mozzafiato e la particolarità del suo paesaggio, basterebbero da sola, a farla amare. Il borgo è collocato sulla riva della Mosella, tra la cattedrale gotica di Notre Dame e la pittoresca Cittadelle. Quest’ultima è un fortino realizzato inizialmente nel 1500, ma ricostruito nel 1815. Al suo interno, vi è il muso delle armi, ma, probabilmente, vale  la pena visitare questo luogo solo per la skyline che offre, dato che è situata sul fiume Mosa.  La cattedrale di Notre Dame, invece, spicca per il suo particolare campanile a bulbo. L’ingresso è caratterizzato da una grande vetrata liberty, la più grande al mondo nel suo genere.

LEGGI ANGHE  Cremona: i tre luoghi "magici" della città della musica

Bergen (Norvegia)

La città di Bergen deve la sua attrattiva alla posizione, situata com’è tra sette fiordi. Il quartiere medievale di Bryggen è, senza dubbio, uno dei più visitati. Da qui ci si può muovere nella zona dei mercati e visitare  il Fish Market. Questo si divide in due zone principali. La prima si trova al piano inferiore del palazzo che ospita l’ufficio di informazioni turistiche, è un mercato coperto dove si possono trovare anche alcuni venditori che cucinano il pesce acquistato sul momento permettendo di mangiarlo come al ristorante. La seconda, all’aria aperta, è una zona di bancarelle pieni di prodotti tipici locali.

Per chi ama, invece, le bellezze locali, non può non fare un giro per la parte storica della città. Qui vi sono una serie di edifici alti ed affiancati che  sono stati eretti in epoche differenti tra loro. La prima parte dei palazzi è edificata in muratura ed è sede di alcuni locali e negozi,oltre che del Museo della Lega Anseatica. 

La zona del Bryggen, invece,  si trova subito dopo questi primi edifici. Qui le facciate delle abitazioni sono tutte di legno colorate prevalentemente di bianco e di rosso. Questa parte storica di Bergen è oggi Patrimonio dell’Unesco.